Sei in » Turismo » Night & Day
10/09/2017 | 12:56

Anche la Città Messapica avrà una sua rappresentanza alla Rassegna dei Cortei Storici delle Pro Loco di Puglia, nel cuore della campionaria. Animerà il padiglione 152bis con più di novecento figuranti in abiti d'epoca.


Due figuranti nelle vesti di Napoleone e Carolina Bonaparte (ph. Antonio Milano)


Alezio. La Fiera del Levante, giunta alla sua 81esima edizione, è sicuramente uno degli eventi fieristici più attesi per tutto il Sud Italia. Un appuntamento internazionalmente riconosciuto che pone al centro dell’attenzione del bacino Mediterraneo la Regione Puglia e, per riflesso, tutte le raltà territoriali che sappiano far buon uso di questa prestigiosa vetrina che, dal 9 al 17 Settembre, sarà il fiore all’occhiello di Bari. La grande novità di questa edizione sarà il Polo delle Arti e della Cultura della Regione Puglia ed è ricchissimo il calendario di incontri e di spettacoli che animeranno il quartiere fieristico, tanti colori e tanti sapori ma senza dimenticare il gusto delle readici più antiche di questa terra: avrà grande rilievo lo spazio dedicato alla valorizzazione della memoria storica e delle tradizioni.

Anche la Pro Loco di Alezio, presieduta dalla Prof.ssa Assunta Levantaci, darà il suo contributo a questa edizione della Fiera del Levante, è infatti tra le 16 Pro Loco che, grazie al prezioso coordinamento tra Consiglio Regionale ed Unione Nazionale Pro Loco d’Italia ( Unpli), animeranno il padiglione 152bis con più di 900 figuranti in abiti d’epoca. Un esercito di uomini e donne provenienti dal passato, precisamente dal periodo a cavallo tra XVIII e XIX secolo, garantiranno agli avventori della campionaria un viaggio a ritroso nel tempo fino ai confini del Regno di Napoli prima e del Regno delle Due Sicile poi, alla scoperta di un periodo storico di estrema importanza per la nostra Regione.

Forte è l’entuasiasmo del direttivo della Pro Loco aletina che, da anni, porta avanti con grande passione e perizia il suo Corteo Storico Murattiano, evento che coinvolge turisti ed autoctoni nel nome della valorizzazione del volto più bello ed affascinante della propria identità di Italiani, di Pugliesi e di Aletini.

di Armenia Cotardo

 




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |